Skip to main content

Giornata mondiale per la lotta alla desertificazione e alla siccità 

25 Giugno 2024
Giornata mondiale per la lotta alla desertificazione e alla siccità 

Il 17 giugno si celebra la Giornata mondiale per la lotta alla desertificazione e alla siccità. Si tratta di una data istituita dalle Nazioni Unite e il suo scopo è quello di sensibilizzare le persone alle modalità di prevenzione della desertificazione, avvicinare alla conoscenza del degrado del suolo, della tutela della biodiversità e la sicurezza delle popolazioni minacciate da questo fenomeno. 

In ogni parte del globo inizia a manifestarsi la minaccia, sempre più concreta, della mancanza di risorse idriche. Nel dicembre 2023, il rapporto Global Drought Snapshot del Segretariato della Convenzione Onu mostra come il fenomeno della siccità sia un’emergenza attuale senza precedenti. Alcuni paesi già stanno sperimentando gli effetti della siccità causati molto spesso dal surriscaldamento globale. Un “disastro silenzioso” che rischia di danneggiare diversi settori produttivi e anche la nostra salute e sicurezza. I Paesi a basso e medio reddito con maggiori rischi di siccità oggi stanno subendo le maggiori conseguenze con carestie, rischi per la sicurezza alimentare, conflitti per l’acqua e anche migrazioni.

In Italia esiste una grande risorsa idrica ma anche qui la disponibilità inizia a ridursi. Nel nostro Paese infatti, da una parte si disperde troppa acqua potabile, dall’altra invece si registra una riduzione delle risorse a causa della crisi climatica. Nel 2024 c’è stato un aumento delle piogge e delle nevicate sull’arco alpino e, dopo molti anni di deficit, si è arrivati ad un +42% delle risorse idriche. Ma si tratta sempre di numeri scoraggianti perché al di sotto dei 1800 metri di altitudine c’è comunque una mancanza di neve. Stando ai dati ISTAT, tra il 2018 e il 2022, sono stati dispersi 42 litri ogni 100 litri d’acqua immessi nel nostro sistema idrico. L’Italia risulta essere il Paese europeo che spreca più acqua, gli italiani consumano circa 120-150 metri cubi in media per ogni famiglia in un anno, con un uso medio giornaliero individuale di circa 220 litri d’acqua.

Per ridurre gli sprechi occorre investire su nuove modalità di gestione, ma è fondamentale anche che la popolazione sia sensibilizzata sulla riduzione delle risorse idriche. Occorre mettere in piedi una strategia nazionale per monitorare i bacini idrografici e investire su soluzioni tecniche che favoriscano il ripristino della funzionalità ecologica del territorio e il riuso delle acque reflue.

“Ognuno di noi, modificando le proprie abitudini, può fare la propria parte per il pianeta. Mettendo in atto pratiche semplici ma importantissime, possiamo tutelare non solo la nostra salute e la nostra sicurezza ma soprattutto quelle delle generazioni di domani. L’uso corretto delle risorse idriche fa parte di queste pratiche. La consapevolezza è uno strumento di cambiamento, un mezzo per costruire un futuro più sostenibile“. Queste sono state le dichiarazioni di Rosario Valastro, Presidente della Croce Rossa Italiana.

La desertificazione è quindi causata principalmente da:

  • attività umane come la deforestazione, il sovrasfruttamento delle risorse idriche, il pascolo intensivo e le pratiche agricole che non sono sostenibili e distruggono la vegetazione
  • cambiamenti climatici, cambiando le temperature e le precipitazioni, si aggravano anche i processi di desertificazione, provocando l’aumento della siccità, gli eventi metereologici diventano più intensi e avviene anche la perdita della biodiversità

La Giornata contro la desertificazione del 2024 ha avuto come titolo “Uniti per la terra. La nostra eredità. Il nostro futuro”. Gli organizzatori aspirano ad andare oltre l’informazione e la promozione di questa giornata, per andare incontro ad un reale cambiamento. Il vero scopo è infatti quello di sollecitare i governi, le organizzazioni internazionali, le comunità locali e cittadini per mettere in campo delle azioni concrete che possano aiutare a combattere la desertificazione. 

Si dovrà attuare una cooperazione a livello internazionale per realizzare buone pratiche e tecnologie innovative ma anche tanto senso civico da parte di tutti i cittadini del mondo. 

Per la Redazione

Elisabetta Di Cicco

Che cosa è la desertificazione?

https://www.youtube.com/watch?v=qtgQx-IFf4w

Rubriche
Appunti di vista
Lascia un commento

Rispondi

Rimani aggiornato con i nostri eventi
Iscriviti alla Newsletter di Appunti di Pace