GARDNER – LE INTELLIGENZE MULTIPLE

18 Luglio 2022
GARDNER – LE INTELLIGENZE MULTIPLE

“Forse la fusione di gioventù e maturità è una caratteristica identificabile del genio scientifico creativo.”

Howard gardner

Howard Gardner, nato l’11 luglio 1943 a Scranton, è uno psicologo e docente statunitense all’Harvard University nel Massachusetts, conosciuto per la sua teoria sulle intelligenze multiple. È figlio di Ralph Gardner e Hilde Gardner, immigrati tedeschi ebrei, che lasciarono la Germania prima della seconda Guerra Mondiale. 

Le sue proposte includono il trattamento del vecchio concetto di intelligenza, come un singolo fattore che può essere misurato dal QI, sostituendolo con una definizione più dinamica, espressa in distinti sottofattori.

Attualmente è considerato uno dei massimi esponenti dei cosiddetti teorici dell’intelligenza fattorialista, o S, contrapposti ai globalisti, o G. Un fattore di intelligenza generale, noto come fattore G, è la base fondamentale per un comportamento intelligente in una data situazione, mentre un insieme di fattori specifici (S), che possono essere intesi come competenze e attitudini che esistono solo in determinati ambiti della vita, i cui risultati non possono essere generalizzati ad altri ambiti.

È noto anche per essere autore di alcuni importanti libri di psicologia dell’educazione e per la più importante storia classica della nascita delle scienze cognitive, The New Science of Mind (1983). Come risultato della sua ricerca, ha ricevuto vari premi e lauree ad honorem.

Secondo Gardner le teorie classiche sull’intelligenza sono riduttive e semplicistiche, poiché ne misurano solo due tipi, ovvero quella linguistica e quella logico-matematica.

Con la teoria delle intelligenze multiple, Gardner contesta che non esiste una sola intelligenza, ma nove ed esse fanno riferimento a delle strutture del cervello indipendenti l’una dall’altra; questo prova che una persona può essere intelligente in nove modi differenti.

LE NOVE FORME DI INTELLIGENZA

Come prima forma abbiamo l’Intelligenza Interpersonale: è diffusa in tutto il cervello ma prevale nei lobi centrali e questa implica la capacità di connessione con gli altri e le loro emozioni, costruendo su questo un ambiente favorevole all’azione collettiva. Questi soggetti sono molto empatici, infatti, lo stesso Gardner definisce l’intelligenza interpersonale insieme all’intelligenza intrapersonale come una “intelligenza emotiva”.

La seconda forma di intelligenza è proprio quella Intrapersonale, fa parte di un processo a due fasi: estrospettiva e introspettiva. Si tratta di riflettere sulla propria personalità e sul potenziale per integrarla nell’ambiente sociale che ci circonda; è anche facile identificarsi con qualcuno diverso da se stesso, riconoscere le proprie emozioni e saperle esprimere. Queste soggetti imparano meglio attraverso la riflessione personale; devi dare loro l’opportunità di scrivere, disegnare o, in generale, seguire il flusso delle idee da sole. 

Abbiamo anche l’Intelligenza Linguistica-Verbale e l’Intelligenza Logico-Matematica. La prima determina le capacità di usare in modo chiaro ed efficace il linguaggio, modificando il registro linguistico secondo le necessità e riflettendo sulla lingua stessa e sulla sua struttura. I soggetti interessati imparano meglio scrivendo, discutendo e leggendo. Mentre quella Logico-Matematica coinvolge sia il cervello sinistro che quello destro: nel primo memorizziamo simboli matematici, nel secondo elaboriamo concetti. I soggetti preferiscono attività come la quantificazione dei risultati dell’analisi dei problemi, l’identificazione delle relazioni causali nei fenomeni, la risoluzione di enigmi e la scoperta di algoritmi e catene logiche.

L’Intelligenza Naturalistica riguarda l’abilità di riconoscere e classificare gli elementi dell’ambiente circostante. I soggetti con queste abilità amano apprendere la botanica, la zoologia e altre scienze e, soprattutto, studiare i processi di apprendimento che li caratterizzano, vale a dire la classificazione e la categorizzazione.

L’Intelligenza Visivo-Spaziale, chi la possiede ha una forte memoria per i dettagli dell’ambiente e delle figure che lo circondano. Questa forma di intelligenza si incarna principalmente nella creazione di arti visive, quindi i soggetti imparano meglio attraverso stimoli visivi come grafica, disegni, film, video e fotografie. 

Infine le ultime due IntelligenzeCorporeo-Cinestetica e Filosofico-Esistenziale.

Quella Corporeo-Cinestetica si trova principalmente nel cervelletto, nel talamo e nei gangli fondamentali, stabilisce un’elevata capacità di coordinazione nei movimenti. Le persone che ce l’hanno comunicano attraverso movimenti e gesti, amano l’attività fisica relazionandosi con l’ambiente circostante. Di conseguenza, questi soggetti imparano meglio attraverso i movimenti e le attività delle loro mani perché hanno concettualizzato cosa assorbire dal “fare”.

Invece, la Filosofica-Esistenziale è relativa al riflettere sui temi come l’esistenza, la vita e la morte. Si può ritrovare nei filosofi e fisici allo stesso modo, in quanto permette di derivare da processi complessi capaci di riunire e spiegare classi di concetti astratti di più eventi contingenti.

Alcuni di noi quindi, hanno livelli elevati di queste intelligenze e gli altri sono attivi comunque in tutte. 

È possibile e auspicabile sviluppare ognuna in modo soddisfacente: basta sapere quali sono le intelligenze più forti e quali le più deboli. Significa anche essere posti in condizioni adeguate di apprendimento e incoraggiamento da parte di professionisti che comprendono intelligenze multiple. La teoria delle intelligenze multiple di Gardner ha un enorme potenziale di applicazione nell’istruzione e nel lavoro, per migliorare la qualità della vita delle persone. 

Il suo scopo, infatti, è identificare un modo per migliorare l’intelligenza e la collaborazione individuale al fine di aiutare tutti a raggiungere il loro pieno potenziale e vivere una vita migliore.

Ma fare questo dipende da ciascuno di noi. Basta avere voglia e provarci!

di Giulia Ruggeri

di La redazione
Rubriche
Appunti di vista
Lascia un commento

Rispondi

Rimani aggiornato con i nostri eventi
Iscriviti alla Newsletter di Appunti di Pace